Tenia nell’uomo: causa, sintomi, terapia e tipi

Tenia-uomo

La tenia è un cestode, un verme piatto nastriforme che si può trovare nell’intestino dell’uomo. Abbiamo quattro tipi di tenia nell’uomo: Taenia crassiceps, Taenia pisiformis, Taenia saginata e Taenia solium. Normalmente la testa della tenia, chiamata scolice, vive attaccata all’intestino dell’ospite ed emette periodicamente delle sacchette, chiamate proglottidi, piene di uova. Le proglottidi appena emesse si muovono, perché la parete è fatta di tessuto muscolare.

La forma larvale della tenia è il cisticerco, cisti liquida che si incista nei muscoli dell’ospite intermedio e che contiene lo scolice. Per quanto riguarda il ciclo vitale, prendiamo la tenia saginata: ospite intermedio il bovino che si infetta ingerendo le proglottidi trovate nell’erba contaminata ed eliminate dall’ospite definitivo con le feci, ovvero l’uomo. Nel bovino il cisticerco si incista nel muscolo, l’uomo mangia la carne cruda di bovino infetta ed ecco che lo scolice si attacca alle pareti dell’intestino, diventa adulto e comincia a riprodursi. La tenia solium, invece, ha come ospite intermedio il suino.

I sintomi di tenia nell’uomo sono:

  • nausea, vomito
  • diminuzione dell’appetito
  • dolore addominale
  • diarrea
  • stipsi
  • dimagramento
  • eosinofilia
  • fuoriuscita delle proglottidi dall’ano
  • perforazione intestinale

Attenzione dunque a mangiare carne cruda, la tenia è sempre dietro l’angolo. La terapia consiste nella somministrazione di antielmintici specifici per via orale che uccidono il verme solitario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *