Come si prende la Toxoplasmosi?

Toxoplasmosi

Mi spiace dirlo, ma se volete sapere tutto sulla Toxoplasmosi, soprattutto riguardo a ciclo vitale e modalità di trasmissione, fate attenzione quando andate dal vostro medico o ginecologo: è un fatto purtroppo assodato che in Medicina Umana l’esame di parassitologia è un esame di serie B, il che tradotto vuol dire che la maggior parte dei medici non sa nulla del ciclo vitale e della modalità di trasmissione del Toxoplasma gondii.

Se sentite un medico che dice “Per la Toxoplasmosi dovete allontanare il gatto da casa”, allora avete la prova materiale di questo deprecabile fatto. Non dico che tutti i medici siano così, ma la maggior parte sì. Se volete avere informazioni attendibili, magari consultate il vostro veterinario: in Medicina Veterinaria, infatti, parassitologia viene studiata in maniera decisamente più approfondita.

In linea generale, un gatto che vive sempre in casa, alimentato con cibo non crudo non può prendere in nessun modo la Toxoplasmosi. Questo perché il gatto contrae l’infezione o leccando le feci di un gatto infetto o ingerendo prede crude: il gatto di casa questo non lo può fare. Secondo aspetto da considerare, se il gatto prende la Toxoplasmosi non è che rimane contagioso (traduci con: elimina le oocisti) a vita, ma per massimo 15-20 giorni, poi diventa immune a vita. Altra considerazione: la Toxoplasmosi non la si prende guardando un gatto e neanche accarezzandolo. Le oocisti per essere infettanti devono stare per più di 24 ore in ambiente caldo e umido (traduci con: cassettina con sabbietta non cambiata da giorni piena di feci aka pulite quotidianamente la lettiera del gatto!) e il pelo del gatto è secco, non è l’ambiente giusto perché le oocisti sporulino.

Detto questo, la Toxoplasmosi si può prendere in parecchi modi che di solito i medici ignorano, preferendo ricordare solo il gatto, ma se andate a vedere su qualsiasi enciclopedia medica la voce “gatto” è all’ultimo posto. Ecco i principali modi di trasmissione della Toxoplasmosi nell’uomo:

  • mangiare carne cruda o poco cotta
  • mangiare salumi
  • mangiare verdure crude o poco cotte
  • manipolare carne e verdure crude (una forma particolare del Toxoplasma, il tachizoita, è mobile ed entra nell’organismo umano attraverso le piccole ferite cutanee)
  • bere latte crudo di capra
  • toccare il terriccio (potenzialmente contaminato) e mettersi le mani in bocca senza lavarsele
    toccare le feci di un gatto che sia eliminatore di oocisti; le suddette feci devono essere rimaste al calduccio nella terra o nella lettiera per più di 24 ore; toccare dicevamo queste feci e mettersi le mani in bocca senza lavarsele

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *