Acido folico: cos’è, a cosa serve e dove si trova

acido-folico

L’acido folico è la forma attiva dei folati alimentari, nonché una vitamina idrosolubile del gruppo B: è fondamentale per il corretto mantenimento del DNA. Inoltre è importante per produrre i globuli rossi ed evitare l’anemia. Altra considerazione importante è destinata alle donne incinta: l’integrazione con acido folico un mese prima e durante la gravidanza previene le malformazioni neonatali, soprattutto quelle del sistema nervoso centrale e cardiache.

Per prevenire l’insorgenza di queste malformazioni neonatali, in Italia viene consigliato di assumere acido folico un mese prima del concepimento presunto (questo ovviamente quando si programma una gravidanza) e fino ad almeno tre mesi dopo il concepimento.

Alimenti ricchi di acido folico sono: frattaglie, lievito di birra, vegetali a foglia larga come lattuga, spinaci, broccoli, asparagi, fiocchi di cereali, frutta, latte e uova. Una carenza di acido folico provoca:

  • anemia macrocitica
  • leucopenia
  • trombocitopenia
  • alterazioni della cute e delle mucose
  • diarrea
  • malassorbimento
  • malformazioni genetiche nei neonati (anche anencefalia e spina bifida)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *