Renella: sintomi, cause e cura

renella

Che cos’è la renella? Oggi parleremo di sintomi, cause e terapia. Innanzitutto la renella è una sabbiolina che si forma a livello renale e viaggia con l’urina fino ad arrivare nella vescica. Questi aggregati cristallini possono essere più o meno grandi e più o meno appuntiti e nel loro passaggio provocano dolore, coliche o disturbi della minzione. Rispetto ai calcoli renali, la renella è ovviamente meno solida e quindi può essere espulsa più facilmente.

Spesso la renella è asintomatica, ma in caso di aggregati più grossi si possono avere dolore a livello della loggia renale che si estende anteriormente in addome, febbre, sensazione di dover urinare continuamente anche avendo la vescica vuota. Di solito la renella ha un colore rosso-giallastro, perché formata da acido ossalico o acido urico.

Fondamentalmente la causa della renella è una dieta scorretta, ma solamente in pazienti geneticamente predisposti a formarla. In caso di renella di ossalato di calcio, bisogna ridurre alimenti ricchi di ossalati e sodio, come spinaci, rabarbaro, prezzemolo, portulaca (erba porcellana), erba cipollina, bietola, barbabietola rossa, amaranto, verza, pomodori verdi, the verde, cacao in polvere e cioccolato. Se si soffre di renella di acido urico, allora bisogna diminuire i cibi ricchi di purine: rutti di mare, acciughe, sardine sott’olio, aringa, caviale, frattaglie, estratti di carne, brodo di carne, cacciagione, intingoli, carni e pesci grassi.

La terapia della renella deve essere medica: bisogna farsi visitare da un urologo prima che si formino i calcoli, anche perché vi assicuro che il dolore è equiparabile a quello di un parto. Per ridurre i rischi di formazione di renella, bisogna bere molta acqua. Fra i rimedi naturali di sostegno, esistono tisane ad azione diuretica e antispasmodica che vanno però prese sotto stetto controllo medico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *