Colonscopia: preparazione e cosa mangiare prima dell’esame

colonscopia

Come fare la preparazione per la colonscopia? Cosa mangiare nei tre giorni prima dell’esame? E il giorno prima? Diciamo subito che queste sono indicazioni generali, ogni centro medico e ogni ospedale prima di farla vi consegnerà un foglietto dove verrà spiegato nel dettaglio la preparazione, ma in linea generale diciamo che la dieta è questa. Ma che cos’è la colonscopia? Perché il medico ci prescrive la colonscopia? Scopriamolo insieme.

Prima di tutto la colonscopia è un esame fastidioso, non è vero che non provoca dolore, ci può essere una sensibilità maggiore o minore, ma dà fastidio. Riprova ne è il fatto che adesso nella maggior parte delle strutture usano la sedazione. Il dolore lo avvertirete sia nel momento in cui la sonda entra nell’ano, sia quando sale lungo l’intestino.

Perché il medico mi prescrive la colonscopia? Sanguinamenti dal retto, stipsi ostinata, diarree ricorrenti, sono tutte motivazioni che possono spingere il vostro dottore a farvi fare la colonscopia con eventualmente anche un prelievo bioptico.

Per i tre giorni precedenti all’esame non bisogna consumare frutta, verdura, crusca e alimenti integrali, succhi di frutta, questo per evitare residui nel tratto gastroenterico che possano ostacolare l’esame. Sono invece concessi: carne, pesce, formaggi e altri latticini, salumi.

Il giorno prima dell’esame dovrete solamente consumare liquidi (non rossi o viola), quindi brodo, the liscio, caffè liscio, acqua o Gatorade. E nient’altro, il che mi fa chiedere: una persona che lavora e che non fa un lavoro sedentario, come può lavorare bevendo solo brodo? Non rischia il collasso?

A questo aggiungeteci il fatto che dodici ore prima vi verrà chiesto di bere quattro litri d’acqua addizionati con appositi lassativi come Selg Esse, Isocolan, Polietilnglicole ABC e avrete il quadro completo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *