Come fluidificare il catarro e il muco

catarro

Mi è venuto in mente di fare questo articolo a causa di una recente malattia da raffreddamento. Causa i continui sbalzi di temperatura di queste settimane, ecco che le mie difese immunitarie sono calate e mi sono beccata un bel virus del raffreddore. Si comincia con gli starnuti, poi arriva la congiuntivite, muco anche scarso dal naso, mal di gola. Presi i provvedimenti del caso (antinfiammatorie e spray locali perché la possibilità di restare a casa al caldo a curarsi è ormai un sogno lontano), ecco che la situazione evolve.

Il mal di gola sparisce, gli starnuti pure, ma arriva una fastidiosa tosse secca. A questo punto chiunque avrebbe pensato di prendere un sedativo della tosse e invece no, sospettando di avere del catarro bloccato da qualche parte (complice anche strani rumori sentiti nelle orecchie che mi fanno pensare a muco/catarro bloccato in seni nasali, gola e forse anche bronchi) ecco che si comincia a prendere un normalissimo sciroppo mucolitico, condito con abbondante acqua.

E come per magia quella fastidiosa tosse secca si trasforma in una tosse grassa, il catarro sospettato emerge dalle profondità dei seni nasali e finalmente si comincia ad espellerlo. E si va avanti per un bel po’. Ora, se avessi preso l’errata decisione di prendere un sedativo della tosse, avrei contribuito a tenere questo catarro ancora nel mio albero respiratorio, danneggiano ancora di più la mia salute. E invece con un mucolitico la situazione è migliorata.

Ovviamente perché un mucolitico funzioni, bisogna bere parecchia acqua per fluidificare le secrezioni. So di gente con tossi terribili che si rifiuta di prenderli perché poi cominciano a buttare fuori quintali di muco, ma come dice Shrek: “Meglio dentro che fuori!”.

Scherzi a parte, se avete dei dubbi chiedete anche al vostro medico curante se quella fastidiosa tosse secca non sia invece dovuta a secrezioni bloccate nei bronchi. Fra i rimedi naturali per fluidificare muco e catarro ci sono anche: anice, eucalipto, farfara, marrubio, liquirizia e piantaggine.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *