Vaccino: dolore al braccio post iniezione, cosa fare?

vaccinazione-antitetanica

L’idea per questo post mi è venuta dopo aver fatto la vaccinazione di richiamo antitetanica. Si tratta del richiamo decennale, quindi non è certo la prima volta che la faccio. L’ultima, dieci anni fa, mi aveva lasciato un indolenzimento del braccio che ho prontamente segnalato alla dottoressa prima di fare questo nuovo richiamo, ma ovviamente si tratta di una reazione assolutamente normale, così come un eventuale rossore che, fra l’altro, non mi è mai capitato.

Solo che questa volta non si è trattato di indolenzimento, a tre giorni di distanza il braccio mi fa male e alcuni movimenti come sollevare il braccio li faccio con molta fatica. Purtroppo è una reazione del tutto normale: il vaccino antitetanico è particolarmente denso, quindi ci mette del tempo a diffondersi nel tessuto muscolare in cui viene iniettato, da qui il dolore.

Di per sé, l’ago quasi non l’ho sentito, il liquido un po’ sì, ma niente di particolare: un plauso dunque alla dottoressa che me l’ha iniettato. Come fare per ridurre il dolore? Si può provare con:

  • prendere il giorno prima Hepar sulfur e il giorno del vaccino Thuya occidentalis, si tratta di rimedi omeopatici che minimizzano gli effetti collaterali dei vaccini
  • applicare del ghiaccio sulla parte dolente, mi raccomando, non direttamente per evitare ustioni da freddo
  • applicare la pomata omeopatica Arnica, trovo che faccia effetto se la spalmi costantemente
  • applicare del Gentalyn beta, anche se contenendo cortisone eviterei di applicarne troppa dopo un vaccino
  • pazientare e aspettare che il dolore passi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *