Peste nera, peste bubbonica e peste polmonare: tipi, sintomi e differenze

Peste

La peste è una malattia infettiva batterica provocata dal batterio Yersinia pestis. Si tratta di una patologia soggetta al Regolamento Sanitario Internazionale e ad obbligo di denuncia internazionale all’OMS, sia in caso di casi sospetti che accertati. Esistono due forme base di peste, ma le differenze si possono evidenziare solo esaminando i bubboni infetti o tramite un’emocultura. Andiamo a vedere la peste bubbonica e la peste polmonare.

Peste bubbonica

La peste bubbonica si trasmette nell’uomo tramite la puntura delle pulci dei ratti o tramite il morso di ratti o roditori. Anche la pulce dell’uomo e i pidocchi possono trasmettere la malattia da uomo a uomo. L’incubazione dura 2-12 giorni e i sintomi sono:

  • febbre alta
  • mal di testa
  • debolezza
  • disturbi del sonno
  • nausea
  • fotosensibilità
  • dolore alle estremità
  • vomito
  • delirio
  • pustole dove la pulce ha punto
  • aumento di volume dei linfonodi
  • petecchie
  • insufficienza cardiocircolatoria
  • insufficienza renale
  • emorragie interne
  • morte

Peste polmonare

La peste polmonare è la forma più grave e può presentarsi anche come complicanza della forma bubbonica. L’incubazione dura 1-7 giorni e i sintomi sono:

  • ipotermia
  • dispnea
  • tosse
  • cianosi
  • debolezza
  • disturbi neurologici
  • edema polmonare acuto
  • morte

La peste polmonare si trasmette per via aerea anche in assenza di pulci. Per quanto riguarda la terapia, è su base antibiotica.

Foto | Resendrix

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *