Leggere a lume di candela fa male?

Leggere

Leggere a lume di candela con poca luce fa male? Tutti ci hanno detto che fa male, che saremmo diventati ciechi se avessimo continuato a leggere sotto le coperte con una pila o a lume di candela o alla luce del camino acceso. Tecnicamente diversi studi hanno dimostrato che leggere al buio non fa male agli occhi, anche se consigliano comunque a chi porta gli occhiali da lettura di indossarli comunque. Si tratta allora dell’ennesima leggenda metropolitana.

Leggere con poca luce non rovina la vista, l’unica cosa è che leggere con una luce debole richiede agli occhi uno sforzo maggiore per riuscire a distinguere le parole. Questo affatica gli occhi i quali si stancano più facilmente causando arrossamenti e mal di testa. Ma gli occhi di per sé non ne risentono.

Questo perché quando c’è poca luce il muscolo ciliare deve accomodare il cristallino per leggere le lettere e intanto anche i fotorecettori vengono attivati. In caso di scarsa luce, sono i bastoncelli a farla da padrone che richiedono un uso maggiore di rodopsina. Però ciò non crea problemi agli occhi che finita la lettura si chiudono e possono riposare.

Basta solo concedersi delle pause ogni tanto per permettere ai muscoli dell’occhio di riposarsi. Quindi continuate pure a leggere a lume di candela, in barba a tutte le leggende metropolitane.

Foto | Wordinprogresslab

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *